Statuto

Società Medico Legale del Triveneto

IL NOSTRO STATUTO.

Art. 1: Registrato 12.2.2010 n. 752 Serie 1T E’ costituita, ai sensi dell’art. 36 e seguenti del Codice Civile, l’Associazione denominata “Società Medico Legale del Triveneto”.

Art. 2: L’Associazione si costituisce per meglio far udire la propria voce a difesa delle esigenze del cittadino che vive nella Macro Regione del Triveneto, con la finalità di creare relazioni di scambio d’esperienze e di crescita culturale, per promuovere, inoltre, seminari di ordine tecnico – operativo, giuridico, medico-legale, nei settori valutativi di interesse medico-legale, Pubblico e Privato, delle circoscrizioni territoriali dei Tribunali del Triveneto. L’Associazione si propone gli scopi di : – Promuovere e far conoscere al cittadino che vive nella Macro Regione l’importanza ed il rilievo dell’attività specialistica medico-legale per qualsiasi problema medico-giuridico, medico-assicurativo e medico-previdenziale, nonché per le problematiche connesse alla gestione del contraddittorio medico – paziente in ipotesi di “malpractice” sanitaria. – Promuovere iniziative tecnico operative con Enti ed Istituti pubblici o privati,, Ordini Professionali, Camere di conciliazione ecc. finalizzate a favorire una composizione di vertenze medico-legali. – Promuovere iniziative finalizzate ad una corretta ed equa valutazione medico-legale del danno alla persona in ambito civilistico, penalistico e previdenziale. – Attuare iniziative scientifiche medico legali finalizzate al necessario aggiornamento degli operatori della materia. – Favorire il giusto riconoscimento professionale dell’attività specialistica medico legale a fronte della garanzia, di una prestazione completa, trasparente, motivata e consona alle esigenze del cittadino. L’Associazione è libera, apolitica, aconfessionale e non persegue finalità di lucro. Rappresenta l’unione delle istanze dottrinarie “medico legali”, aventi finalità di natura “tecnica – operativa”, di tutti gli specialisti operanti nel settore Pubblico e Privato delle circoscrizioni giudiziarie dei Tribunali del Triveneto, finalità che tengono conto anche delle eventuali esigenze valutative medico-legali proprie dell’ambito territoriale di competenza. L’Associazione, in tal senso, promuove incontri di crescita scientifica e culturale ed autonomi seminari di natura tecnica – operativa con tutti i “soggetti” della macro – Regione che hanno interesse in ambito medico legale (Giudici, Avvocati, Associazioni di Servizi demandate alla liquidazione del danno alla persona da parte delle Compagnie di Assicurazione e da parte dei danneggiati, Operatori di Enti Previdenziali, ASL e di tutte le Istituzioni che prevedono intervento tecnico specialistico medico-legale). L’iscrizione all’Associazione è concessa a medici chirurghi, specialisti in medicina legale e delle Assicurazioni ed a medici chirurghi che, pur privi di titolo di specialista medico-legale, abbiano acquisito documentate e dimostrate capacità tecniche in ambito medico-legale nell’ambito della valutazione del danno alla persona (Colleghi che potranno iscriversi alla Associazione previo consenso dei 4/5 degli iscritti della propria circoscrizione di appartenenza).

Art. 3: L’Associazione ha sede in Treviso, attualmente in Via Olivi 36. L’Associazione, con delibera del Consiglio Direttivo, ha facoltà di trasferire la sede e d’istituire sedi secondarie, nonché di svolgere le proprie attività al di fuori della propria sede.

Art. 4: Sono Organi dell’Associazione: – L’Assemblea degli iscritti – Il Consiglio Direttivo

Art. 5: L’Assemblea generale è composta dagli Associati in regola con il pagamento della quota associativa e viene convocata dal Consiglio Direttivo, ovvero su proposta motivata di un gruppo di Soci; qualora tale gruppo rappresenti almeno 1/10 (un decimo) dei Soci, la convocazione è obbligatoria. La convocazione dell’Assemblea ordinaria avverrà mediante comunicazione presso la residenza o la sede degli Associati con preavviso di almeno 15 (quindici) giorni. L’Assemblea straordinaria, invece, dovrà essere convocata con preavviso di almeno 30 (trenta) giorni. Le convocazioni potranno essere effettuate con qualsiasi mezzo che consenta di verificare l’avvenuta ricezione. La convocazione dell’Assemblea sia ordinaria che straordinaria dovrà specificare la data, il luogo, l’ora e gli argomenti all’ordine del giorno della riunione e potrà contenere l’indicazione della data e dell’ora della seconda convocazione dell’Assemblea. L’Assemblea si riunisce almeno una volta all’anno in seduta ordinaria nel periodo che va dal 31 (trentuno) dicembre al 30 (trenta) aprile dell’anno successivo, per l’approvazione del Bilancio preventivo e consuntivo. Per motivi straordinari, è facoltà del Consiglio Direttivo convocare l’Assemblea ordinaria oltre il predetto termine. Le Assemblee saranno validamente costituite in prima convocazione, quando vi interviene almeno la metà più uno degli Associati. In seconda convocazione saranno valide qualunque sia il numero degli Associati presenti.

Art. 6: Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, dal Segretario, dal Tesoriere, membri tutti eletti dall’Assemblea degli iscritti, fermo restando che l’attribuzione delle suddetta cariche avverrà in conformità a quanto previsto al successivo art.8). Sono inoltre membri di diritto dello stesso Consiglio con diritto di voto, n.2 (due) Delegati nominati rispettivamente dalle Circoscrizioni delle Province Autonome di Trento e Bolzano, n.2 (due) Delegati nominati dalla Circoscrizione della Regione Friuli Venezia Giulia, nonché 3 (tre) Delegati nominati dalle Circoscrizioni del Veneto.

Art. 7: Tranne quelli indicati nell’Atto costitutivo e nella prima riunione organizzativa, i Delegati vengono eletti dai membri iscritti nella Circoscrizione di appartenenza ed il loro mandato ha la durata di due anni, salvo loro dimissioni o revoca, richiesta da parte di almeno i 2/3 degli iscritti della sua circoscrizione. E’ ammessa l’iscrizione ad una sola Circoscrizione. Il delegato coordina l’attività degli appartenenti alla Circoscrizione, raccoglie le iscrizioni, indice, se necessario, riunioni operative ed interviene su delega del Consiglio presso gli Organismi Giudiziari, gli Ordini Professionali, gli Enti Previdenziali, Istituti Pubblici e Privati della Circoscrizione al fine di promuovere le iniziative culturali, scientifiche e le relative attività operative medico-legali della Associazione.

Art. 8: Tutti i componenti del Consiglio Direttivo provvedono, ogni due anni, a nominare, tra i membri eletti dell’Assemblea il Presidente, il Segretario ed il Tesoriere, i quali restano in carica due anni e sono rieleggibili. Per tali nomine da parte del Consiglio è necessaria la maggioranza dei 2/3 dei voti presenti nella seduta consigliare. In caso di non raggiungimento della maggioranza richiesta il Presidente potrà essere eletto con la sola maggioranza assoluta dei presenti aventi diritto al voto ed il suo mandato avrà durata di un anno. Il Presidente è rieleggibile e la sua elezione può avvenire per scrutinio sia segreto, sia nominale sia per acclamazione. Le modalità elettive sono decise a maggioranza assoluta dai presenti a quella seduta consigliare. Analoga modalità verrà seguita per la nomina del Segretario e del Tesoriere.

Art. 9: (modificato con approvazione all’unanimità dell’Assemblea del 13.5.2011) La Segreteria ha sede in Treviso, attualmente in via Olivi, 36, ove il Consiglio si riunirà per tutte le necessità di natura operativa finalizzate alla gestione tecnica della Associazione. Il Presidente, sentito il parere del Consiglio che presiede, definisce gli Ordini del Giorno, gestisce i rapporti con i Delegati e con le altre Associazioni di professionisti, con l’Istituto della Sanità e Forense e con le imprese operanti nel settore delle assicurazioni. Il Segretario, cura i verbali delle sedute del Consiglio ed invia le convocazioni del consiglio con l’Ordine del Giorno e – su delega del Consiglio – interviene direttamente nella gestione dei rapporti con altre Associazioni Professionali, Istituzioni Giudiziarie, Enti Previdenziali ed operatori del settore delle assicurazioni. Il Segretario viene delegato dal Consiglio per coordinare i rapporti di natura libero professionale con le altre associazioni specialistiche medico-legali, promuovendo presso tutte le sedi di interesse “libero professionale”, tutte le azioni e comunicazioni necessarie a valorizzare la professionalità medico legale degli specialisti iscritti.

Art. 10: Le delibere del Consiglio sono prese a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente.

Art. 11: Il Consiglio è convocato secondo necessità, comunque non meno di 2 volte all’anno, dal Presidente, su richiesta, dalla maggioranza dei Delegati di Circoscrizione. Ogni iscritto, informato dal proprio Delegato di Circoscrizione, può presenziare ad ogni singola seduta – senza diritto di voto – apportando il proprio contributo all’Ordine del Giorno. Il Consiglio dispone la costituzione di Comitati Scientifici (allargati ad altri specialisti iscritti o ad altri esperti in materia giuridica – sanitaria) per seminari di studio in tutti gli ambiti di interesse dottrinario e/o operativo tecnico medico-legale. Il Consiglio programma e dirige le attività “congressuali” e pubblicitarie dell’ Associazione, delegando il Segretario ed il Tesoriere al coordinamento organizzativo con eventuali sponsor nonché alla direzione dell’attività informatica.

Art. 12: Ogni singolo iscritto concorre alle spese di gestione dell’Associazione e la quota viene decisa dal Consiglio Direttivo. Il mancato concorso alle spese è motivo di esclusione dall’ Associazione.

Art. 13: Una volta l’anno il Tesoriere stila il rendiconto finanziario che trasmette ad ogni singolo delegato che da questi verrà trasmesso per conoscenza ai Delegati di ogni singola circoscrizione, da diffondere ai propri iscritti.

Art. 14: Per eventuali divergenze tra gli associati di natura deontologico – professionale potrà essere richiesto, su istanza del delegato della Circoscrizione – l’attivazione – ai fini conciliativi – della Commissione dei “probiviri”, costituita dal Presidente, dal Segretario e da 3 delegati scelti dal consiglio direttivo, demandando alla Stessa, espletata un’istruttoria circostanziata ed in caso di persistente disaccordo – ogni decisione in merito.

Art. 15: L’ Associazione può essere sciolta a maggioranza assoluta dei presenti aventi diritto al voto previa convocazione contenente Ordine del Giorno ove sia esplicitamente contemplato detto scioglimento.

Art. 16: Per quanto non previsto nel presente Statuto valgono le norme di Legge e di Principi Generali in materia, nonchè eventuali Regolamenti interni che potranno essere adottati ed approvati dall’Assemblea degli iscritti.